5 Lezioni di Stile da Beverly Hills 90210!

In occasione del lancio della nuova serie Sky 1993 (seconda stagione di 1992) con Stefano Accorsi e Miriam Leone, Sky ha temporaneamente creato il canale Sky Atlantic 1993 (su canale 111) per omaggiare gli anni ’90 e per fare pubblicità alla serie ovviamente.
Nel canale vengono trasmesse tutte serie o programmi iconici degli anni 90 tra cui Baywatch, Melrose Place, Holly e Benji e ovviamente Beverly Hills 90210!

Grazie Sky, grazie per avermi permesso di rivivere alcuni episodi di Beverly Hills e di fare un tuffo diretto negli anni 90 e sopratutto per avermi dato la possibilità di rivedere Luke Perry alias Dylan McKay alias il mio primo amore.

Beverly Hills per chi non lo avesse mai visto – e spero siate davvero in pochi!- racconta le vicende di un gruppo di adolescenti nella Beverly Hills degli anni 90. Amori,amicizie, ambizioni, sogni,avventure di giovani teenager che alla fine della serie diventano adulti.
Quando lo guardavo da bambina non è che ci capissi granché perché appunto ero piccola, ma grazie alla Mediaset e in particolare ad Italia 1 che ne mandò le repliche in seguito mi sono sempre più appassionata alla serie e sono arrivata a capire che Beverly Hills non era solo un semplice teen drama, ma che affrontava tematiche davvero serie, per citarne alcune, la tossicodipendenza, il suicidio, il divorzio, il tradimento e via così.

beverly-hills-90210-original-college

Ma oltre alle tematiche e alle storie quello per cui 90210 si è fatto notare e per cui viene ancora oggi ricordato sono gli outfits delle protagoniste. Si perché B.H ha lanciato un vero stile, il vero stile degli anni 90!
Brenda Walsh, Kelly Taylor, Donna Martin, sono state vere icone di quegli anni e continuano ad esserlo anche oggi, dato che gli anni 90 sono tornati di moda- ma in realtà non ci hanno mai abbandonati del tutto.

Ecco 5 lezioni che Beverly Hills ci ha insegnato:

La base del look anni 90 è: Jeans e T-Shirt! I jeans rigorosamente mom’s style e la t-shirt in prevalenza bianca ma anche colorata. Questo outfit basic è davvero iconico, compariva in quasi tutte le immagini promozionali della serie.

Fiori. Fiori ovunque! Costumi,magliette, cappelli,vestitini, l’importante è che sia flower power.

Crop top! Tornato ora di gran moda il crop top è assolutamente anni 90. Indossato spesso in coordinato con il sotto 🙂
Plus non mancavano occasioni in cui Donna o Kelly indossassero reggiseni o bikini al posto delle magliette!

Oversize. Negli anni 90 dovevi per forza, e dico per forza, saccheggiare l’armadio di tuo padre, di tuo fratello o del tuo ragazzo per rubargli maglioni, felpe, giacchetti, camicie (e se ti piace lo stile Brenda anche le cravatte) oversizes.

Jeans, bianco&nero, colori!
Negli anni 90 dovevi per forza avere un giacchetto di Jeans altrimenti non eri parte della cricca di Brenda&co che poteva però essere sostituto dal giacchetto di pelle o da una felpa da baseball.
L’abbinamento bianco&nero era un must ma anche il monocromatico colorato andava molto 🙂

Ci sarebbero almeno altre 20 lezioni che Beverly Hills ci ha dato: si alle trasparenze, agli shorts, ai mini abiti, al satin, ai cappelli stravaganti, alle tute, alla salopette..ma se li elencassi tutti questo articolo non avrebbe mai fine.

Lo stile anni 90 è tra i miei preferiti in assoluto e adoro vestirmi in stile Beverly Hills 90210.

Voi cosa ne pensate? Vi piaceva Beverly Hills? Lo avete visto? 🙂 Lo stile anni 90 vi si addice ?
Ps: se non avete MAI visto B.H correte sul canale 111 di Sky o su Netflix! 🙂

Annunci

Exploring Italy- Monterano.

Pasquetta si sa è sempre una buona occasione per fare delle piccole gite, quest’anno io sono stata alle cascate di Diosilla e all’antica Monterano la così detta “Città fantasma” nella riserva naturale di Monterano.18035557_1326407957413180_1720745866_n - Copia

L’antica città di Monterano è stata fondata dagli Etruschi su una piccola altura di tufo, in seguito ha subito varie dominazioni, dai Romani ai Longobardi.
Nel medioevo diventa un ducato di alcune famiglie papali, gli Orsini e gli Altieri, e sarà proprio grazie a queste famiglie che agli inizi del 1600 Monterano raggiungerà l’apice del suo splendore. 18009867_1326407584079884_36028928_n - Copia
Emilio Bonaventura Altieri viene eletto papa-Clemente X -e commissiona a Gian Lorenzo Bernini la costruzione di diverse opere per la città: la Chiesa e il Convento di San Bonaventura e la facciata del palazzo ducale con la fontana del Leone.
Morto il Pontefice però la città va incontro alla sua decadenza, nel 1770 un’epidemia di malaria porterà la popolazione in fuga e all’abbandono definitivo delle città.

La particolarità del sito è che è possibile ammirare rovine e monumenti appartenenti a diverse epoche storiche: i sepolcreti etruschi, l’acquedotto romano, il castello medioevale e Convento di San Bonaventura di epoca rinascimentale. 18009725_1326407874079855_1570063185_n - Copia

18035454_1326407130746596_1954753509_n - Copia
18034868_1326407260746583_987708854_n - Copia

 

Oltre al sito archeologico all’interno della riserva si trova un geosito, si tratta della cascata di Diosilla il cui colore dell’acqua varia dal giallo ruggine, al blu, al bianco per via dello zolfo. Costeggiando il torrente ci si inoltra nella vegetazione, grazie e scalini e 18009538_1326408547413121_1432303225_n - Copia

piccoli ponticelli il percorso è facilitato. Il bosco è davvero suggestivo, giochi di colore d’acqua, felci, piante, alberi si mischiano in un’atmosfera da favola.17974335_1326408190746490_977503412_n - Copia

L’escursione è sicuramente consigliata.

Camminare e fare trekking non porta solo benefici a livello fisico, ma sopratutto a livello mentale, la mente infatti si rilassa e raggiunge un alto livello di benessere.

Qualcuno di voi c’è stato? Cosa ne pensate?

Giulia.

Nyx Lingerie, 13 reasons why e… lampone!

Primavera, tempo di inizi e cambiamenti..e di scoperte! Questa primavera per me è stata ricca di tante novità, ve ne voglio elencare 3.

Nyx Lipstick Lingerie
17910984_991011941033275_1829182358_n - Copia
Io ho una fissa, forse più un’ossessione per quanto riguarda i rossetti, le tinte e le matite per le labbra. Questa primavera ho scoperto la linea Lingerie Liquid Lipstick ed il mio mondo è cambiato.Conoscevo già la Nyx e avevo acquistato già diversi prodotti ma la linea Lingerie li batte tutti. I colori di questa linea sono incredibili e sono davvero impazzita quando ho dovuto decidere quali acquistare. La cosa che più amo di questa linea, oltre i colori, è che hanno una durata strepitosa. Durante il giorno,o una serata, si può mangiare e bere tranquillamente, il lipstick lingerie rimane lì e non se ne va. A differenza di altre tinte provate, i lingerie non mi provocano secchezza eccessiva. Personalmente li adoro.
Per ora ho provato questi 3:
il numero 12 Exotic
il numero 02 Embellishment 
il numero 09 Corset
13- 13 Reasons Why

13

13 Reasons Why, in italiano solo 13, è una serie tv prodotta Selena Gomez e da Netflix rilasciata a fine Marzo. La serie si basa sull’omonimo libro del 2007 di Jay Asher.
Chi mi conosce sa che le serie tv sono il mio pane quotidiano, questa serie tv è stata proprio una scoperta mi ha semplicemente rapita! La serie è bella e davvero toccante a causa dell’argomento delicato di cui si parla.
La storia vede protagonisti Hannah Baker (Katherine Langford) e Clay Jensen (Dylan Minnette) e questo non è uno spoiler ma Hannah è morta. In realtà Hannah si è suicidata e ha lasciato delle cassette con i 13 motivi che l’hanno spinta a farlo e insieme a Clay li tumblr_oobcqc2UlI1vrzqdro1_500scopriremo tutti pian piano.
La serie tratta argomenti attuali e come ho già detto molto delicati. Credo che tutti dovrebbero vedere questa serie e che debba essere fatta vedere anche nelle scuole.
La serie ha un bel cast, la maggior parte degli attori sono giovani ma devo dire davvero all’altezza delle parti, menzione d’onore per Kate Walsh, la cara Addison di Grey’s Anatomy, nel ruolo della madre di Hannah.
Preparatevi a ridere, ad arrabbiarvi, a commuovervi, ad emozionarvi e soprattutto a piangere davvero tanto. Se cercate una serie tv con un messaggio, che vi lasci qualcosa nel profondo, 13 è giusta per voi! Io ve la consiglio, personalmente l’ho divorata e sarà una delle serie tv che mi ricorderò per tutta la vita.

Il Lampone!20170305_204447t - Copia

Si questa primavera ho scoperto quanto amo il lampone. Galeotte sono state le marmellate biologiche – io ho assaggiato le Marmellate dei Frutti della Pace di Coop- e da lì il mio amore per il lampone è esploso. Dato che in cucina sono un po’ una frana ho costretto mia madre e mia sorella a farmi un po’ di dolcetti, vi consiglio di fare i cupcakes o i muffin! Poi dato che mi sorella è bravissima mi ha fatto anche questi tenerissimi macarons! Come poi ho scritto in precedenza adoro il tè bianco al lampone  della Clipper Tea.

Queste sono state le mie 3 scoperte top della primavera!
Voi conoscete la Nyx e avete provato la linea Lingerie? Che ne pensate?
Avete visto 13 Reasons Why? Se la risposta è no lasciate subito quello che state facendo e correte a vederlo!

Alla prossima,

Giulia

Indossare l’Arte è possibile con Merinda Borse.

Tra la tante cose a cui non riesco a dire di no (come il cioccolato o un altro bicchiere di vino bianco..) ci sono le borse. Piccole, grandi, capienti, bauletti, zainetti, pochettes, è più forte di me quando vado a fare shopping e vedo una borsa che mi piace non importi che a casa ne abbia già altre 5 simili, la devo comprare!

Per questo quando girando su Facebook  sono capitata sulla pagina di Merinda Borse il mio cuore è esploso.
Merinda borse è un negozio online, che anche un sede fisica a Napoli, che realizza delle borse con delle stampe meravigliose. Di che stampe parlo? Van Gogh, Magritte, Dalì, Mondrian, Modigliani e tanti altri!
Eh si perché la particolarità di queste borse sono proprio le stampe artistiche. Indossare una borsa che sia alla stesso tempo un’opera d’arte: un sogno che diventa realtà!17671158_10212183502211079_166489666_n

La mia scelta è ricaduta su una borsa piccola con la stampa rappresentante “Autoritratto con collana di spine e colibrì” di Frida Khalo.
Inutile dire che la adoro. Frida è uno dei miei modelli di vita oltre che

20170403_183624 - Copiauna delle mie artiste preferite.

Le borse Merinda sono un prodotto di qualità made in Italy, come ho già detto si possono acquistare sul sito Merinda.it (dove trovate info e costi) o nel negozio in Via Chiaia 63 a Napoli.
Vi consiglio di dare un’occhiata e preparatevi perché sicuramente vi innamorerete di tutto!
Non vedo l’ora di fare un nuovo acquisto.

E a voi piacciono? Fatemelo sapere qui sotto 🙂

Giulia

Lawrence Alma-Tadema,il pittore della Primavera

Quando penso alla Primavera i primi artisti che mi vengono in mente sono Botticelli, Monet e in generale gli impressionisti e i preraffaelliti, grandi giardini, roseti, paespring-flowerssaggi e fiori.

Navigando tra un sito e l’altro su Tumblr ho scoperto un artista che – lo devo ammettere – fino ad ora mi era sconosciuto. Sto parlando di Lawrence Alma-Tadema (1836-1912) un pittore di origine olandese ma d’adozione inglese.

Guardando le sue opere me ne sono letteralmente innamorata!
Alma-Tadema ha viaggiato molto nella sua vita, Francia,Belgio, Inghilterra, ma la tappa più importante per la sua carriera è stata l’Italia, visitata in occasione del viaggio di nozze. Le scene che rappresenta infatti appartengono all’epoca antica in particolare a quella greca e a quella romana.  Roma e Pompei sono state le tappe fondamentali da cui ha ripreso le architetture e le sculture, Pompei in particolare lo ha aiutato ad immaginare la vita nelle ville romane come luoghi di sfarzo e di lusso, le scene che rappresenta sono dei veri spaccati di vita quotidiana nelle società antiche.

Tra tutte le opere quelle che preferisco sono quelle dedicate alla primavera o che in qualche modo la richiamano.

Questo slideshow richiede JavaScript.

I quadri di Tadema si caratterizzano per le atmosfere sognanti, nostalgiche, decadenti con colori pastello accesi e vibranti, una vera sintesi della primavera che per significa tanto rosa e tanti fiori e sorseggiare qualcosa di fresco ai piedi di un albero. Sento che Tadema riesce proprio a racchiudere nelle sue opere lo spirito primaverile fatto di spensieratezza e allegria e rinascita con un leggero retrogusto malinconico.

Da oggi per me primavera sarà sinonimo di Alma-Tadema.

Vi lascio con delle bellissime curiosità sull’artista e la sua famiglia. Dal primo matrimonio Tadema ebbe due figlie Laurence (1865-1940) e Anna (1867-1943), la prima è stata una scrittrice e una poetessa mentre la seconda un’abile pittrice. Anna subì molto l’influenza del padre e si specializzò nei ritratti, nelle scene di interni e nella rappresentazione di fiori. Entrambe si batterono per il diritto di voto alle donne e si iscrissero al Some Supporters Of The Women’s Suffrage Movement nel 1897.  Anche Laura Theresa Alma-Tadema (nata Epps) seconda moglie del pittore era una pittrice che ebbe particolare successo.  Laura (1852-1909) era specializzata in scene domestiche e scene di donne e bambini. Una vera famiglia di artisti!

Chi di voi conosceva Alma-Tadema? Cosa ne pensate? Scrivetelo qui sotto, sono davvero curiosa di sapere se a voi è piaciuto quanto è piaciuto a me! 🙂

It’s Clipper Teas Time!

 

ct_logo_master2

Mi reputo una grande amante del tè eppure ho scoperto solo ora l’esistenza dei Clipper Teas, inutile dire che me ne sono innamorata!
Non solo perché i tè sono veramente veramente buoni, ma anche perché sono totalmente biologici con ingredienti organici e anche equo-solidali.
Tutti gli ingredienti infatti provengono della migliori piantagioni dall’Africa, dell’India e dello Sri Lanka, la lavorazione e la produzione avviene in totale rispetto delle popolazioni locali e dei territori.
Ho davvero apprezzato il fatto che ogni materiale sia biodegradabile, le adorabili e colorate confezioni sono infatti di cartone, i filtri invece in cotone senza punti metallici.
Un prodotto davvero pensato dall’inizio alla fine, dal processo di selezione delle materie prime fino al suo confezionamento, che io personalmente trovo adorabile.

I consider myself a great tea lover and I have recently discovered Clipper’s Tea, needless to say that I’ve fallen in love with it!
Their tea is really really good and it’s completely made with organic ingredients and also fair trade. In fact, all the ingredients come from the plantations in Africa ,India and Sri Lanka. The processing and the production respect the local populations and territories.
I really like the fact that every material used is biodegradable, the adorable and colorful packets are in fact cardboard, the filters are made of cotton without staples

Partita come una azienda piccola oggi è tra le prime in Inghilterra!

Questi sono i tè e gli infusi che ho personalmente assaggiato:

Today I’ll show you a selection of teas and infusions that I’ve personally tasted:

1) Lime&Ginger Green TeaczWDMnN
Il tè verde è il mio preferito perciò quando ho visto questa confezione colorata così invitante non ho potuto non prenderlo. Si tratta di tè verde con aggiunta di Lime e Zenzero. Nonostante siano 3 ingredienti forti insieme risultano davvero delicati, la freschezza del lime si mischia perfettamente al gusto speziato dello zenzero, un mix perfetto.

Green Tea Green tea is my favorite, so when I saw this colorful and inviting packet I had to take it. It’s green tea with Lime and Ginger. Even if these 3 ingredients are very strong, together they’re very delicate, the freshness of lime is mixed perfectly with the spicy taste of ginger, a perfect mix.

2) Organic White Tea With Raspberry20170310_190001t
Il tè bianco è sicuramente molto più delicato di quello verde, per questo si sposa davvero bene con il lampone. Quando si apre la confezione l’odore del lampone è inebriante. Il sapore rimane leggero e dolce, così come l’aroma.
Il tè bianco contiene poca teina per questo lo si può gustare a qualsiasi ora.

White tea is certainly much more delicate than green tea , for this reason it combines very well with raspberry. When you open the packet, the smell of raspberry is heady. The flavor is light and sweet as the aroma. White tea contains little theine and so can be tasted at any hour. 

3)Organic African Rooibos Infusion20170305_115932t
Il terzo prodotto è un infuso alle erbe dal sapore deciso e corposo ma non troppo amaro. Come da caratteristica del Rooibos, non contiene caffeina il che lo rende perfetto per essere bevuto in qualsiasi momento della giornata, anche prima di andare a dormire. La considero una valida alternativa al tè nero.

The third product is a herbal infusion with a strong flavor and full-bodied but not too bitter. Since Rooibos doesn’t contain caffeine it is perfect drunk at any time of day, even before going to sleep. A great alternative to black tea.

 

Dato che si va incontro alla primavera ed il sole inizia a farsi vedere, se decidete di provarli tiepidi o freddi vi assicuro che il sapore e l’intensità non cambiano.
Mi sono totalmente innamorata di questi tè, sono davvero di alta qualità, ottimi per rilassarsi e prendersi una pausa.

I tè della Clipper sono acquistabili nei negozi biologici, io li ho trovati nella catena CuoreBio, altrimenti sono reperibili anche online, anche direttamente sul sito stesso http://www.clipper-teas.com/ vi consiglio di visitare il sito in cui potete trovare non solo informazioni e curiosità, ma anche tanti consigli e tante ricette uniche.
Girovagando per il sito ho già adocchiato i miei prossimi acquisti: tè verde al mango e tè bianco alla vaniglia, molto probabilmente mi farò tentare anche dalle miscele di caffè 🙂

I recommend visiting the site http://www.clipper-teas.com/ where you can find not only information and curiosity, but also many tips and many unique recipes. Next time I’ll try Mango Green Tea and White Tea with Vanillqa!
Can’t wait to try others!!

Che dire? Non vedo l’ora di assaggiarli tutti 🙂
E voi invece li avete già provati? Cosa mi consigliate?

ba3b3cf5e873a10384b93c678ec96057Giulia

MFW: La celebrazione dell’arte e dell’Italia in Alberta Ferretti

La Milano Fashion Week si è conclusa proprio ieri e ci ha regalato emozioni davvero intense.
Tra le collezioni che hanno riscosso più successo c’è l’autunno-inverno 2017/18 di Alberta Ferretti, che personalmente ho adorato.venice-canal-grande-nightview.jpg

La collezione della Ferretti si ispira all’Italia e in particolare a Venezia, “mi sono resa conto di come, in realtà, non ricordiamo mai abbastanza di quanto sia bello il nostro Paese” ha dichiarato la designer.

Gli abiti della collezione si ispirano quindi a Venezia e ai suoi simboli, il leone d’oro diventa un ricamo, gondole, calli, canali,campi, affreschi,le righe bianche blu dei gondolieri diventano i motivi delle stampe.


La collezione racconta l’atmosfera magica e misteriosa di Venezia, dell’aria che si respira camminando per la città.

Le donne della Ferretti si ispirano a quelle dei ritratti di Giovanni Boldini(1842-1931), ritratti intimi e a volte sensuali , ma mai volgari. Boldini dipinge l’animo femminile non privandolo del suo mistero e della sua complessità perché riesce, in un qualche modo, a capire l’essenza della femminilità forse perché guardò alle donne con ammirazione e rispetto e non le giudicò mai, anzi le invitò ad accogliere la loro vera natura, le incoraggiò ad esprimersi.


Le donne di Boldini vengono definite come ninfe fluttuanti, ed è proprio questa la sensazione che si ha guardando le modelle della Ferretti sfilare.

L’altro riferimento alla città di Venezia che mi  è  sembrato di cogliere è il Carnevale, le lunghe mantelle fiabesche, i vestiti ricamati potrebbero essere tranquillamente indossati al tradizionale ballo del Doge. Guardando le modelle sfilare lo ho immaginate danzare nelle scene dei gran balli dei film roteando e lasciando fluttuare lo chiffon.

Ho amato tutto di questa collezione i riferimenti all’arte, a Venezia, l’amore per l’Italia, una vera celebrazione del Bel Paese.boldini_-_rita_de_acosta_lydig

Chiudo dicendo che a partire dal 4 Marzo fino al 16 Luglio presso il
Complesso del Vittoriano a Roma avrà luogo una mostra antologica dedicata proprio a Giovanni Boldini.
La mostra conta 150 opere provenienti da tutto il mondo ed è stata curata da Tiziano Panconi e Sergio Gaddi che lavorano al progetto da ben 4 anni.

E voi cosa ne pensante? Vi è piaciuta la collezione di Alberta Ferretti? Chi sono stati i vostri preferiti dalla Milano Fashion Week?
Lasciate un commento 🙂

Giulia